Cambio di paradigma: comunicazione visiva

Tre punti e dodici principi per passare dal grafismo e la progettazione grafica verso il futuro della comunicazione visiva.

Ritratto di Joan Costa Joan Costa Barcelona Followers: 2418

Opinioni:
0
Voti:
0
Compartir:

1.

Come designer, ma anche come sociologo e comunicatore, non riesco a concepire i lavori di un graphic design come delle “cose” (poster, marchi, siti web, packaging, segnaletica), ma come “fatti sociali”, cioè cause di comunicazione .

Da questo punto di vista specifico, l'approfondimento del concetto di “comunicazione visiva” ci porta al di fuori della sfera del graphic designer e dei suoi problemi professionali quotidiani. E ci porta direttamente alla rottura e all'uscita, all'incontro con le persone e la società: in quell'ambiente di costruzioni, oggetti e messaggi che ci circonda. È qui che il Design è vivo. Quando interagisce con le persone.

2.

Se è vero che “tutto comunica” è perché tutto ha un significato. Come negare quindi che ogni messaggio grafico sia condannato a comunicare? Ci piaccia o no. Impossibile evitare la trasmissione di informazioni. Così considerato, faccia a faccia con le persone, il design grafico si è evoluto, e oggi è, fondamentalmente, comunicazione visiva. E così sarà sempre di più in futuro, dove la nozione di progetto crescerà per estendersi, oltre “la grafica”, alla dimensione visiva dell'essere.

Primero fue el Grafismo (siglo XV). Después el Diseño gráfico (siglos XVIII-XX). Ahora, la Comunicación visual (siglo XXI). Esta última integra las etapas precedentes y abre una nueva dimensión para el diseño.

Prima è stato il grafismo (XV secolo). Dopo la progettazione grafica (secoli XVIII-XX). Ora, comunicazione visiva (21 ° secolo). Quest'ultima integra le fasi precedenti e apre una nuova dimensione per il design.

3.

Le vecchie idee riduzioniste di marketing e pubblicità, che definiscono le persone come target di riferimento, consumatori, ecc., sono ormai superate dall'essenziale e da tutto ciò che c'è stato prima. Prima di essere pubblico, consumatore, utente, ecc., l'essere umano è un essere visivo.

Tutto ciò che è visibile – e non solo la grafica – riguarda l'occhio. Tutte le informazioni visive sono opera del grafico, del comunicatore visivo e delle loro collaborazioni con le altre discipline del Design.

Da quanto detto finora, le seguenti riflessioni sono un riassunto che segue le linee del superamento e dell'arricchimento delle dimensioni di ciò che, dalla Bauhaus, conosciamo come «disegno grafico» e che con le nuove tecnologie chiamiamo graphic design. Approfondiamo sulla comunicazione visiva.

12 principi per la comunicazione visiva

  1. Il Design si dirige direttamente alle persone, alle diverse parti della società in un determinato contesto culturale. Sono la ragione di essere del design in una qualsiasi delle sue varianti. Eppure, tra la grande massa della letteratura e il mare di immagini e stimoli visivi in ​​cui siamo immersi, manca una sociologia critica del Design.
  2. Il Design è un'attività di progettazione. Qualunque cosa venga progettata è il risultato di un piano. Si realizza per coprire una funzione, per risolvere un problema o per migliorare la qualità della vita delle persone. Progettare è responsabilità.
  3. Ciò che definisce l'idea del progetto, con le sue componenti creative e tecniche, è il suo potenziale di innovazione. Progetto e innovazione costituiscono la matrice del design, che a sua volta è la matrice delle sue diverse discipline (architettonica, industriale, grafica, ecc.).
  4. La progettazione grafica è, in particolare, la progettazione della comunicazione. Collega le informazioni con la semiotica. I messaggi sono sistemi semiotici. Contengono significati, sia per via semantica che per l'estetica.
  5. Il potere di trasmettere informazioni implica che ogni progetto grafico o visivo, e ogni messaggio, si riferiscano a cose assenti, che non sono qui ma con significati. I messaggi sono sistemi di segni e il designer opera con essi e li organizza in forme di comunicazione portatrici di significato.
  6. Questa condizione comunicativa è caratteristica del linguaggio, della sua capacità di affrontare il passato, il presente e il futuro; del reale, dell'immaginario e di tutto ciò a cui si può pensare. Una proprietà specifica che possiede solo la progettazione grafica e nessun'altra disciplina del design.
  7. Il disegno grafico è il disegno della comunicazione, che consiste nella trasmissione di informazioni e di significati. Le altre discipline progettano funzioni che liberano dallo sforzo fisico, risparmiano tempo o soddisfano le esigenze.
  8. Il passaggio dal concetto di “graphic design” a quello di comunicazione visiva è il salto diretto con cui superiamo la nostra tradizionale introversione nel “design” (il mio mestiere, la disciplina, ciò che faccio) e nella “parte grafica” (il mezzo e la lingua che uso).
  9. Assumere la comunicazione come una funzione essenziale del graphic design è uscire dalla bolla professionale per interagire con le persone e la società, attraverso il principale canale di percezione, conoscenza e memoria: il canale visivo. Ecco perché dobbiamo tornare alla psicologia della percezione, come spiegato oggi dai gestaltisti.
  10. Questa mutazione del design, che va oltre i limiti dello spazio grafico (foglio di carta e schermo), apre un immenso orizzonte all'innovazione e allo sviluppo della comunicazione, poiché copre tutte le dimensioni della grafica, del visivo e del visualizzabile.
  11. L'ultima di queste dimensioni è la Schematica, una sfaccettatura di lunga durata e utilità che è praticamente da scoprire. Attraverso la creazione di modelli, la comunicazione visiva diventa uno strumento strategico, anche per lo stesso designer, che è indispensabile nel processo decisionale, nella pianificazione dei contenuti, nella progettazione di azioni, servizi, eventi, ecc.
  12. I nuovi campi della comunicazione visiva superano anche le classiche collaborazioni del disegno grafico con l'architettura, il disegno industriale, la moda, la pubblicità e il marketing. La società della conoscenza richiede l'intervento della comunicazione visiva in grandi aree di sviluppo: industrie culturali, diffusione della scienza, tecnologia, istruzione, cultura ambientale, ambiente urbano, innovazione, educazione civica, responsabilità sociale...

Colofone

La comunicazione visiva non è un movimento isolato. È un epifenomeno che avanza parallelamente con la tecnologia verso il futuro, con la società della conoscenza e dei valori e con i movimenti sociali interculturali e ambientali. Intervengono in ambito pubblico, nella libertà e nella cultura e con l'impegno di I + S + i + i: Investigazione più Sviluppo più innovazione più informazione. Quest'ultima è la mia proposta che completa la formula I + S + i con l'informazione, cioè con la comunicazione pubblica dell'innovazione.

Cosa ne pensi? Condividi la tua opinione! Abbiamo bisogno del tuo aiuto per continuare a produrre contenuti gratuiti. Considera di supportare il lavoro di FOROALFA con una donazione di qualsiasi valore in PayPal.


Ritratto di Joan Costa Joan Costa Barcelona Followers: 2418

TraduzioneRoxana Degiovanni Torino Followers: 0

EditingMarina Cominetti Torino Followers: 4

Opinioni:
0
Voti:
0
Compartir:

Collabora con la diffusione di questo articolo traducendolo

Tradurre in inglese Tradurre in portoghese
Codice QR di accesso all’articolo Cambio di paradigma: comunicazione visiva

Questo articolo non esprime l’opinione degli editor e dei gestori di FOROALFA, che non si assumono alcuna responsabilità per la sua paternità e natura. Per riprodurlo, a meno che non sia espressamente indicato, si prega di richiedere l’autorizzazione all’autore. Dato l’accesso gratuito a questo sito e le condizioni ipertestuali del Web, apprezzeremmo si evitasse di riprodurre questo articolo su altri siti web. Pubblicato su 04/09/2020

Joan Costa

Altri articoli de Joan Costa

Titolo:
Il marchio verbale
Sinossi:
Se tutti i brand iniziano per il nome, perchè i graphic designer e i creativi progettano loghi e simboli e non cominciano dall'inizio?
Condividi:
Titolo:
Privilegio e impegno del graphic design
Sinossi:
La progettazione visiva è una progettazione per il cervello, il nostro organo più complesso che governa tutte le nostre attività e le nostre azioni. I nostri occhi insieme al cervello fanno un tutto.
Condividi:
Titolo:
Nascita ed evoluzioni del marchio in 7 passaggi
Sinossi:
Il marchio commerciale è nato 3500 anni fa. Prima era un simbolo, poi un significato, dopo una storia televisiva in 30 secondi. Oggi, un fenomeno sociale e transmediale complesso.
Condividi:
Titolo:
L'eterna ed inutile discussione
Sinossi:
Perché il design non è arte? Per rispondere a questa domanda, niente di meglio che analizzare gli argomenti che vengono spesso utilizzati in senso contrario.
Condividi:

Dibattito

Logotipo
La tua opinione

Accedi con il tuo account per opinare su questo articolo. Se non ce l’hai, crea il tuo account gratuito adesso.

Potresti essere interessato

Ritratto di Norberto Chaves
Autore:
Norberto Chaves
Titolo:
Origini, funzioni e gestione dei place branding
Sinossi:
Risposte di Norberto Chaves a sei domande fatte da una studentessa.
Traduzioni:
Condividi:
Interazioni:
Voti:
0
Followers:
3539
Ritratto di Norberto Chaves
Autore:
Norberto Chaves
Titolo:
Marca cromatica e semantica del colore
Sinossi:
Il significato del colore motivato dal legame tra il simbolo con i codici preesistenti e dalla progressiva convenzionalizzazione della relazione arbitraria, tra il simbolo e il suo referente.
Traduzioni:
Condividi:
Interazioni:
Voti:
0
Followers:
3539